Cattivissimo me: la malvagità non è mai stata così tenera

Cattivissimo meUn po’ tutti coloro che sono stati bambini, specialmente negli anni Ottanta dell’invasione del cartoon giapponesi, hanno sognato almeno una volta che nelle storie trionfasse il male, stanchi della banale serialità del bene.
A Sergio Pablos, ideatore del soggetto del film d’animazione in 3D Cattivissimo me, della Universal, è venuto in mente di fare del cattivo il vero protagonista della sua storia perché in fondo in ciascuno di noi c’è un po’ di malvagità nascosta: “Quando sei nella fila veloce alla cassa del supermercato e la persona davanti a te ha venticinque pezzi e vorrebbe pagare con un assegno, – dice il produttore John Cohen con un sorriso – ecco, quello sarebbe il mommento giusto per usare il raggio congelatore”… Ho scritto questa recensione per Cinema4Stelle: continua a leggerla.

Indicazioni terapeutiche: un cartone animato spassoso, liberatorio e più tenero di quanto si possa credere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *