Cinema che parla al cuore: The dark side of the Sun e il Camp Sundown

The dark side of the moon

The dark side of the Sun Quest’anno al Festival del cinema di Roma è stato presentato un documentario a cavallo tra realtà e animazione, The Dark Side of the Sun realizzato nel corso di tre anni all’interno di un progetto nato per raccontare con delicatezza il dramma sociale dei bambini lunari. Il documentario diretto da Carlo Shalom HintermannLorenzo Ceccotti, di cui potete vedere il trailer qua sotto, è stato realizzato seguendo partecipando in maniera attiva al Camp Sundown – un campo estivo fondato dai genitori di Katie, ragazza di 18 anni affetta da XP, una rara malattia della pelle che rende i raggi del sole nocivi e addirittura mortali.

The Dark Side Of The Sun | English Cinematic Trailer from Lorenzo Ceccotti on Vimeo.

L’iniziativa solidale Tra i protagonisti del documentario c’è Fatima, una ragazza di origini marocchine di ventidue anni che abita nella provincia di Torino con i genitori e altri due fratelli minori, entrambi malati come lei di XP. Nel 2010, grazie al progetto di Hintermann ha potuto partecipare al Camp Sundown: così le si è aperto tutto un nuovo mondo e ha potuto conoscere persone che vivono come lei una vita rovesciata. Quest’anno, grazie al crowdfunding, potrebbe tornarci. Partecipando al progetto su Eppela, chiunque può fare la sua piccola offerta per finanziare il volo per lei e i suoi familiari per New York. In cambio del vostro contributo, potrete ricevere la colonna sonora del film, il film stesso in copia digitale e per i grandi donatori è prevista addirittura una targa nella hall of fame del Camp Sundown. Un attimo… cos’è Eppela? Si tratta di un sito specializzato nella raccolta fondi a partire dal basso per progetti di vario tipo: artistici, imprenditoriali, solidali. La risposta made in Italy ad analoghi progetti statunitensi, per alcuni un modo creativo di realizzare i propri sogni, per molti il primo banco di prova per valutare come il mercato possa rispondere ad un’idea. Che siate visionari senza un soldo o persone comuni che cercano un modo per cambiare in meglio il mondo in cui vivono, ecco il posto giusto: Eppela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *