Hamlet 2000: la maschera nuova di Amleto

Hamlet 2000Cosa succede se si sposta Amleto ai nostri giorni, magari tra i grattacieli di New York City? È quello che ha fatto Michael Almereyda: tagliando qua e là ha tenuto il testo shakespeariano e l’ha adattato al nuovo millennio.
Il padre di Amleto, presidente della Denmark Company, è morto. Suo fratello sposa la moglie e prende il controllo della società. La trama che Almereyda porta sullo schermo è la storia di Shakespeare, ma perché possa funzionare molti elementi devono essere riadattati, ricontestualizzati, rinnovati. Il setting della prima scena non è un castello, ma l’Hotel Elsinore, albergo di lusso tra i grattacieli della City, non si tratta di un banchetto nuziale, ma di una conferenza stampa. Al posto delle spade ci sono le pistole. E Amleto (Ethan Hawke) non è un giovane intellettuale che scrive qualche battuta per il teatro, ma uno studente cinefilo che fa il film-maker per passione.
Un mondo ipermediale circonda questo nuovo Amleto: come Shakespeare aveva usato l’Amleto anche per esprimere una visione del teatro contemporaneo, con forme di rappresentazione metateatrali, così Almereyda tenta di inserire il metacinema. Con una handycam Amleto riprende la conferenza stampa e riprende anche se stesso. Monta spezzoni di film e immagini girate con le sue mani e attraverso il montaggio interpreta la sua realtà. La Trappola per topi è una sintesi muta, breve ed efficace dei fatti che avevano sporcato la coscienza di Claudio, ma è anche una sperimentazione visuale che si nutre di citazioni e ibrida i simboli e le tecniche.
Lo sguardo di Almereyda è bulimico di immagini. La televisione si insinua negli spazi tra una battuta e l’altra inserendo dialoghi inediti o costruendo paralleli: un monaco buddista intervistato alla tv regala massime esistenziali, James Dean nella parte del giovane ribelle è in fondo simile ad Amleto, che suo malgrado deve ribellarsi alla famiglia. Le fotografie di Ofelia sono interpretazioni del reale: nella camera oscura, la giovane amante di Amleto osserva gli scatti che sviluppano alla luce rossa e calda. Computer, telefono e fax sono onnipresenti e hanno una funzione importante nell’economia dei dialoghi e delle scene.
Indicazioni terapeutiche: serbatoio di suggestioni e immagini indicato per soggetti che amano reinterpretare, rimettere in gioco, rileggere il passato alla luce del presente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *