Harsh Times – I giorni dell’odio: impatto frontale

Harsh TimesHarsh times è un bel film. Non solo: è un bel film come non te lo aspetti. Uno di quei film che ti colpiscono come uno schiaffo in pieno viso. Non voglio discutere sul fatto che sia o meno realistico, ma solo inchinarmi davanti al forte impatto che suscita.
Dallo sceneggiatore di Training Day un’altra storia sulla Los Angeles nera e cupa, la faccia inquietante della California. Jim (Christian Bale) vive ossessionato dal periodo in cui ha combattuto la Guerra del Golfo: sono i suoi incubi angoscianti le prime immagini che vediamo. Subito dopo, sprazzi di residua umanità: la sua donna, il suo miglior amico Miguel (Freddy Rodriguez), la sua ambizione di entrare nelle forze dell’ordine.
Entrare nel mondo violento dell’ex-soldato Davis è come immergersi passo dopo passo in una palude, fino a rimanere invischiati nell’angoscia. La tensione comincia a salire quando i protagonisti del film non sono più attori, ma uomini e donne per cui si prova rabbia, pietà, tristezza: un incontrollabile groviglio di sentimenti. E, infine, implacabile, arriva la botta. L’arco della narrazione descrive una traiettoria perfetta come quella di un proiettile.
Christian Bale, lo sappiamo, è bravissimo: fa suo ogni personaggio come potrebbe fare un camaleonte. Il gelo nei suoi occhi, la fermezza delle sue espressioni, la dura arroganza del suo incedere ne fanno un perfetto guerriero. Ma che dire di Rodriguez? Spettacolare, soprattutto verso la fine. La sua intensità drammatica attraversa un crescendo che anima l’evoluzione del personaggio e segue i ritmi del film. Molto belle le figure femminili: Sylvia (Eva Longoria), una donna in carriera, costretta suo malgrado al ruolo di madre del suo uomo e Marta (l’esordiente Tammy Trull), una donna-bambina che si annulla nell’amore.
Il film è autoprodotto, ma ci sono scene per cui daresti via alcuni dei più costosi film del momento. I dialoghi non sovrastano l’importanza delle immagini: un risultato che si ottiene spesso quando sceneggiatore e regista coincidono.
Indicazioni terapeutiche: una pillola amara, ma in grado di aprire nuovi orizzonti e generare nuove sinapsi. Fortemente indicato per i sostenitori di qualunque guerra. Controindicazioni: non adatto ai bambini e ai deboli di cuore.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.