Into Paradiso: sui tetti di Napoli

Into Paradiso
Ambientato nella Napoli dei nostri giorni, Into Paradiso, presentato a Venezia nella sezione Controcampo Italiano, ha come protagonisti due personaggi emblematici: Gayan (Saman Anthony), immigrato dallo Sri Lanka per un malinteso, e Alfonso (Gianfelice Imparato), un ricercatore precario che ha perso il suo lavoro e, anch’egli per un malinteso, si trova braccato dalla malavita locale. L’esordio alla regia di Paola Randi, che ha già sul curriculum qualche corto, ma nessun altro lungometraggio, è un film sognante e sopra le righe, una favola moderna che parla di come possa avvenire l’incontro culturale in una società multietnica.

Ho scritto questa recensione per Cinema 4 Stelle: continua a leggerla.
Indicazioni terapeutiche: per molti, ma non per tutti, Into Paradiso è una cura contro la xenofobia e il pregiudizio a base di equivoci e risate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *