La versione di Barney: essere straordinari senza saperlo

La versione di Barney
Robert Lantos, produttore del film La versione di Barney, era stato un grande amico, sostenitore e ammiratore di Mordecai Richler, l’autore dell’omonimo romanzo, scomparso nel 2001. A lui il leggendario scrittore ebreo originario di Montréal aveva mandato una copia manoscritta del libro, prima ancora che fosse pubblicato; da allora quel libro era entrato a far parte della sua vita, insieme al progetto di produrne un adattamento per il cinema. “Il personaggio di Barney mi parla” dice Lantos “È la storia di una vita pienamente vissuta, di un uomo con tanti difetti e vizi, ma con un buon cuore.” Come accade a volte con i progetti particolarmente sentiti, la sceneggiatura del film fu scritta più e più volte…

Ho scritto questa recensione per Cinema 4 Stelle: continua a leggerla.

Indicazioni terapeutiche: un effervescente rimedio contro la paura di essere inadeguati e la corsa verso un’accettazione che deve venire innanzi tutto da se stessi.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *