L’illusionista: un film d’animazione vintage

L'illusionistaSylvain Chomet ci ricorda per negazione che siamo nell’epoca dell’animazione tridimensionale e degli effetti strabilianti, che il cinema cui siamo abituati è scandito da trame complesse, che la parola è protagonista quanto l’immagine. L’illusionista è in fondo questo: un malinconico gioco di prestigio che ci fa avvertire il cinema d’animazione contemporaneo attraverso la lente vintage di una sceneggiatura di Jacques Tati. La magia è tutta in quella scena paradossale in cui il vecchio prestigiatore entra in una sala cinematografica dove è proiettato un vecchio film in live action.

Ho scritto questa recensione per Cinema4Stelle: continua a leggerla.

Indicazioni terapeutiche: ottima cura rilassante e malinconica per cinefili nostalgici. Controindicazioni: potrebbe annoiare le nuove generazioni, già abituate alle meraviglie del 3D.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *