Uno, due… e tre

Uno, due… e tre. Agli uomini manca qualunque percezione del momento opportuno. Pessimo tempismo, guys. Ricompaiono come se il tempo non fosse passato, come se da due punti divergenti si potesse ritornare allo stesso punto di partenza, come se la vita nel frattempo non fosse trascorsa con le sue forti dosi di emozioni, eventi, scelte. Alcune di queste cose possono anche cambiare una persona. Non sono pronta a riaprire discorsi chiusi. Mi rendo conto che è un modo di fare non mi appartiene. L’ho imparato a mie spese, che si torna a sbattere sugli stessi muri. Si ritorna subito su ciò che era stato causa dell’allontanamento. Non mi farebbe bene se “rompessimo il nostro patto per una sera”: non è il momento per me. E se qualcuno mi chiede “ma sei ancora bella come l’anno scorso?” rispondo sì, ma ho il cuore più pesante… se credi di riuscire a reggerlo…
E tre: vanno via troppo presto… o un po’ troppo tardi – questione di punti di vista.
Non vorrei guardarti con tristezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *