Verso il mare…

VillasimiusEccomi di nuovo con la valigia in mano (due, nella fattispecie). Agosto segna ogni anno una pausa. Spesso l’unica pausa lunga. Agosto.
Un punto e a capo. Un punto per raccontare a me stessa che in quest’anno tra le tante cose che sono cambiate, qualcosa devo averla pur imparata. Un punto per dire a me stessa che no, non sono tornata indietro nel tempo, anche se a cacciare certi fantasmi ho impiegato anni, tanto che non so più distinguere tra il tempo felice e quello passato a sfacchinare tra le macerie. Un punto per dire a me stessa che no, ventisette anni non sono l’ultima fermata. Semmai sono il porto da cui partire.
Fanculo, un punto per dire a me stessa che questo non è un post malinconico. Questo è il post di una donna che, comunque vada, ovunque si trovi, ogni tanto prova una saudade che sembra latinoamericana, invece è solo mal di Sardegna: il bisogno fisiologico di tornare al principio, la voglia di lasciar andare il corpo, il tempo, la rabbia e i desideri dentro il mare – che è immenso e non chiede mai nulla.
Questo blog chiude per ferie, più o meno. Forse ogni tanto sentirò l’esigenza di tornare qui e lasciare un segno, un pensiero, una perla marina. In quei casi mi siederò a scrivere in costume e ciabattine, ancora sporca di sabbia, con un mojito in mano e tutta un’altra musica in testa – voi aspettatemi così… Per me tra un’ora è già vacanza!

4 Comments

  1. Per me è stata la prima estate lavorativa "da grande" e quindi ho iniziato ad apprezzare davvero il concetto di "ferie".
    E sto notando che se non viaggio, mi annoio, non trovandomi più tanto bene nella piccola località del ponente ligure da cui provengo…

    Rispondi

  2. Mi pare un ottimo programma, anche se per l'anno prossimo voglio impiegare tutti i 23 giorni andando in Argentina, alla faccia delle vacanze riposanti…

    Rispondi

  3. Ti capisco. Sto cercando di elaborare la ricetta dell'ideale ottimizzazione delle ferie, dopo vari esperimenti: una settimana al paese natio, farcita di giorni di mare, pomeriggi di shopping, e serate pericolose, una settimana al mare senza stress, una settimana all'estero o comunque in viaggio verso mete sconosciute. Che ne dici?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *