Febbre a 90

Febbre a 90

Febbre a 90 di Nick Hornby, ed. Guanda

Avevo così tanta voglia di leggere Hornby che non mi importava che parlasse di calcio. Tanto per far capire il mio livello di dipendenza da questo scrittore. Ed è buffo che il libro parli proprio di fissazioni a una che è fissata con l’autore.

Tutta colpa di Alta fedeltà (e del momento in cui l’ho letto), continuo a ripetere. Ma il momento c’entra sempre, come ci fa capire lo stesso Nick, che rivede le radici della sua passione per il calcio nella ricerca di un terreno comune con il padre, da poco separato dalla madre, e di una scusa socialmente accettabile per manifestare la sua ansia e le sue pene.

Trovo buffo che la sua agente letteraria abbia voluto che lui esordisse con questo romanzo autobiografico e non con Alta fedeltà, che scrisse per primo. Questo è probabilmente il primo libro di Nick Hornby ad annoiarmi un po’ (non ero interessata a tutti quei calciatori e alla descrizione dei goal e alle retrocessioni e vittorie dell’Arsenal negli ultimi decenni), eppure è quello dal quale si può evincere meglio la ragione del suo successo. Nick Hornby sa fare di una passione qualunque (la musica, i libri o il calcio come in questo caso) una sottile filigrana attraverso la quale rivedere la vita e interpretarla. Fa delle cose che ama una metafora, salvo poi prendersi il lusso di dire che si tratta di una pessima metafora quando gli fa comodo. Tutto qui. E non è mica poco.

4 Comments

  1. A me Nick Hornby piace tantissimo e in fondo l’argomento delle sue “fissazioni”, che sia calcio o musica, è quasi secondario. Comunque io condivido le sue passioni e più di una volta mi sono trovato a sorridere da solo leggendo le sue parole 🙂

    Rispondi

  2. Fra l'altro è riuscito a centrare un punto essenziale per ogni calciofilo : il rapporto fra la propria vita e l'andamento della squadra, oltre che raccontare alla perfezione cosa succede ogni volta che vedi un gol 🙂
    Uno dei miei libri preferiti (insieme ad Altà Fedeltà)…

    Rispondi

  3. Wow! Additittura! Il fatto di non essere nemmeno un po' calciofila ha forse reso più freddo il mio approccio, però riconosco che anche qui è stato grande! 🙂

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *