6 Comments

  1. "Il segreto, la chiave per il successo, è la previsione, la capicità di vedere il futuro, agendo di conseguenza; ed è quello che io faccio, e questa è la verità."
    Two for the money, USA 2005, di D. J. Caruso

    "La correlazione tra profitti e aumento dei posti di lavoro sta per essere troncata. […] Sappiamo cosa ciò significhi a breve termine: utili record, azionisti entusiasti e posti esauriti in business class. Ma cos’altro significa ciò a medio termine?" [1]. Nel 1997, la giornalista Naomi Klein, con il libro "NO LOGO", porta all’attenzione del lettore molte delle pratiche attuate dalle società dot-com, le imprese della new economy che, secondo la giornalista, avrebbero condotto, a breve, ad una probabile crisi economico-finanziaria e ne introduce di nuove che, nel medio e lungo termine, potrebbero portare a crisi ancora più profonde.

    Nel 2012, a 15 anni di distanza dall’uscita di "NO LOGO", siamo qui a raccontare una "nuova" generazione di lavoratori che, "finalmente", ha cominciato a farsi viva nel mondo del lavoro anche nel nostro Bel Paese, la "Voucher Generation". "Esattamente come i lavori in fabbrica che una volta sostenevano intere famiglie, adesso sono stati trasformati nel Terzo Mondo in impieghi per teen-ager, così le grandi imprese di abbigliamento e le catene di ristoranti hanno legittimato l’idea che l’occupazione nei fast food e nei negozi al dettaglio sono usa e getta, inadatti agli adulti." [2].

    Note e fonti:
    [1] Cit. "NO LOGO – Economia globale e nuova contestazione", di Naomi Klein, Baldini & Castoldi, 246
    [2] Ivi, 221

    … continua su http://www.lateoriadelcomplotto.com/2012/06/la-teoria-del-complotto-new-economy-o.html

    Ciaoo, Nyko

    Rispondi

  2. Ma questo è uno dei miei libri preferiti sull'argomento, anche se i grandi media hanno cercato "untuosamente" di spacciarlo per qualcosa legato unicamente al movimento no-global. Il libro è bello perchè è fresco ed è prova di un lavoro giornalistico anche sul campo che in pochi sembrano voler fare. Avrà pure 12 anni ma è più attuale che mai.

    Rispondi

  3. Letto nel 2003 e sdegnato da allora. Bisognerebbe davvero riconoscere una volta per tutte che la vita è fatta di sostanza e non solo di apparenza.

    Rispondi

  4. Come darti torto? A piccoli passi si può tornare all’essenziale e scoprire cosa conta. La mia ispirazione in questo momento sta tutta nella parola decrescita. Sono passata nel tuo blog: molto interessante e vedo che abbiamo parecchi interessi in comune.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *