Quest’anno a Natale facciamo un regalo al nostro pianeta con WWF

Quando sono stata invitata a partecipare alla nuova campagna adozioni del WWF la mia mente è volata verso i miei desideri e mi è venuto in mente che uno dei motivi per cui attendo con ansia il mio prossimo trasloco è…

(Credo che ne riparleremo, quindi tanto vale cominciare a scrivere un elenco.)

I motivi per cui non vedo l’ora di andare a vivere da sola.

#1 Adottare un gatto

Sono cresciuta in una casa a metà strada tra il centro abitato e il bucolico nulla cosmico. Da bambina ho sempre avuto la casa circondata di cani, gatti, galline, conigli, varie ed eventuali. Io sono sempre stata una tipina da gatti, però. Sono indipendenti ed eleganti e questo ti fa immaginare che abbiano personalità. E poi, a modo loro, sono sinceri: stanno con te solo se lo desiderano, non fanno come i cani, sempre alla mercé delle voglie del padrone. Forse i gatti mi piacciono perché il mio modello di donna è ritagliato intorno alle tre sorelle che han fatto un patto e alla paladina Lady Oscar. Forse mi piacciono perché, a modo mio, io assomiglio a un gatto (ma non a una gatta!). Fatto sta che ho deciso: a febbraio, quando andrò ad abitare nella casa nuova, adotterò un gattino. Un cucciolo-fagottino che si struscerà indolente sul divano mentre io sarò distratta a guardare un film o che mi passeggerà tra i piedi mentre preparo la cena per due (cioè per me e per il micetto). Ho già gli occhi a cuore!

Tra le cose che invece posso fare anche subito c’è un regalo di Natale che sia anche un gesto d’amore verso gli animali che popolano il nostro pianeta. Come? Adottando una specie! Tranquilli, non ho intenzione di presentarmi a casa degli amici con una tigre al guinzaglio o di trascinare sotto l’albero una vaschetta con una foca. Come ogni anno, il WWF organizza una campagna di adozioni per proteggere le specie di animali in via di estinzione in tutto il pianeta. Dodici specie sono state elette simbolo della campagna di fundrainsing e dell’azione della ONG nel mondo e chiunque potrà scegliere di adottare una di esse per dare il suo piccolo contributo. Quest’anno regalando a un’amica uno dei peluche farò anche una cosa utile – quindi, anche se il peluche finirà dimenticato in una delle nostre stanze piene di oggetti, di certo avrò speso bene i miei soldi.

Ma cosa fa concretamente il WWF per salvare gli animali? Lotta contro il bracconaggio, riabilita animali da rimettere in libertà, lavora sul territorio per proteggere gli habitat delle specie in pericolo. Un quarto dei mammiferi terrestri rischiano di scomparire, ma l’estinzione è come un tumore: è possibile salvarsi se si prende il problema in tempo. Quindi, è arrivato il momento di fare la nostra parte, se non vogliamo avere sulla coscienza le povere tigri asiatiche che, nonostante la stazza, di fronte alla minaccia umana sono più indifese del mio (futuro) gattino.

Come fare ad adottare una specie? Semplice, ci sono pacchetti per tutte le tasche e per tutti i cuori. Per ciascuna forma di adozione riceverete dei gadget che attesteranno il vostro impegno per la natura.

  • Adozione Semplice (donazione a partire da 30€): una lettera di Fulco Pratesi, una scheda sulle caratteristiche ed i rischi corsi dalla specie, un certificato, un grande planisfero con evidenziate le aree di azione del WWF e un adesivo da apporre sull’area tutelata.
  • L’adozione con Peluche (donazione a partire da 50€): include oltre ai materiali dell’adozione semplice un tenero “rappresentante” della specie scelta. I peluche WWF sono realizzati con una grande attenzione all’ambiente e ai bambini essendo privi di componenti tossici che possono venire rilasciati sia in fase di produzione sia di gioco.
  • L’adozione Trio (donazione a partire da 125€) è dedicata ai quattro grandi habitat condivisi dalle specie: trio polare (orso polare, foca, pinguino), trio asiatico (tigre, orango e panda), trio africano (ghepardo, elefante e scimpanzè), trio italiano (orso bruno, lupo e delfino). Per ciascun trio si ricevono i tre peluche ed i rispettivi kit, ciascuno con il planisfero, e i certificati possono essere personalizzati con nomi diversi.
  • Per chi vuole un’adozione a impatto zero, è possibile scegliere l’adozione digitale o “I WWF you” (donazione a partire da 30€), con il panda WWF circondato da un cuoricino, che permette di ricevere uno screensaver, uno sfondo per il desktop e una firma digitale direttamente via mail.

Articolo sponsorizzato