Quello che ho

Qualche anno fa guardai un ragazzo negli occhi e gli dissi:
– Io credo che tu mi farai soffrire.
Lo sapevo già, come sapevo che me ne sarei innamorata. Bastava guardarlo per non avere più difese. E stare bene. C’era qualche cosa in lui che non avevo mai trovato ed avevo cercato ovunque.
Naturalmente avevo ragione su tutta la linea. Mi ha fatto soffrire.
Ho pianto, ho passato notti insonni, momenti in cui avrei voluto strapparmi via il cuore e spegnere il cervello. Ho cavalcato le incertezze e superato molti ostacoli, per avere quello che ho. Alcuni ostacoli li ho superati da sola, mentre dall’altra parte della strada lui superava i suoi. Così incontrarci nel mezzo diventava inevitabile.
Amore che a nullo amato amar perdona“, scriveva qualcuno molti secoli fa. Ed è stato così: il mio amore era fatto per essere ricambiato.
Scrivo questa nota, perché oggi voglio dire a tutti che sono orgogliosa di quello che ho.
Uno sguardo in cui perdermi, di cui innamorarmi continuamente.
Qualcuno che ogni giorno mi rende felice, che mi fa ridere quando sono sotto pressione e che mi capisce anche quando non condivide quello che penso.
Il battito di un cuore, i sentimenti, il respiro.
Qualcuno che vedendomi nuda, mi dice “Sembri un fumetto di Crepax.”
Un amico con cui viaggiare, con cui condividere idee, con cui discutere e ritrovarsi più sereni.
Un uomo che sa indovinare il mio umore anche prima di me, anche se magari non se lo sa spiegare.
Un porto sicuro, eppure una casa sempre in costruzione.
La bellissima tela di Penelope, che giorno dopo giorno ha bisogno di essere ritessuta, perché non deve finire mai.
Quello che ho.
Quello che abbiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *